Campus stagionali residenziali

L’IDEA

In cucinaNel corso del 2019 Panta Rei, in itinere di realizzazione, apre ad una nuova proposta che muove dal bisogno di avvicinarci alla consapevolezza dei gesti quotidiani ponendo attenzione al ciclo di vita e rigenerazione che nasce dalla terra e torna alla terra, partendo da una concezione di agricoltura rispettosa del potenziale naturale, attraversando i passaggi necessari alla biologia umana quali l’alimentazione, la pulizia, la produzione dei rifiuti e il loro smaltimento.

Punto di forza dell’idea è l’utilizzo dei Microrganismi Efficaci (EM), sostitutivi della chimica industriale, nel processo sopra descritto. Dall’agricoltura, l’utilizzo dei microrganismi effettivi si è esteso ad altri ambiti, dalla cura della salute, alla pulizia della casa, fino alla cosmesi e all’alimentazione. I microrganismi effettivi sono molto concentrati. Spesso si utilizzano diluiti in acqua. Ciò li rende prodotti economici e duraturi.

La vita comunitaria, in un contesto esperienziale e partecipe di tutte le attività di Panta Rei (dall’orto, al frutteto, al bokashi, alla cucina, alla gestione degli spazi interni ed esterni, alle pulizie, alle manutenzioni e gestione degli impianti,  al tempo libero), in tutte le azioni dei processi della vita vegetale stagionale (potature, innesti, semine, trapianti, erbe spontanee) e animale (animali da cortile e api) diviene il veicolo privilegiato per rendersi coscienti dei propri bisogni per riorientarli in bisogni reali e non indotti e divenire custodi della biodiversità nel susseguirsi delle stagioni.

Questo è il focus del campus che nutre in sé la forza educativa da trasferire al proprio contesto una volta tornati nei propri luoghi di residenza. Vivere questa esperienza comprendere cosa succede intorno a te, comprendere il mondo vegetale, animale, umano e rintracciare l’equilibrio tra essi in un concetto dinamico di stagionalità, apre a processi creativi produttivi ed evolutivi e a realtà inclusive e non ghettizzanti. In sostanza, le persone, si auto-educano semplicemente vivendo.

Un vivere che, in modo semplice, si interroga sulla propria impronta ecologica, sul proprio rapportarsi con gli altri, sul proprio grado di partecipazione responsabile, sulla propria disponibilità ad accogliere l’altro nelle sue peculiarità, sulla propria coscienza rispetto alla giustizia sociale e all’abbattimento delle disuguaglianze.   

A CHI E’ RIVOLTO

A tutti. L’insostenibilità del modello produttivo e sociale attuale è ormai sempre più evidente. I danni che produce per l’ambiente, la salute e la felicità umana sono preoccupazioni che stanno diventando sempre più sentite.  Gli effetti sono misurabili anche sul mercato con l’incremento dei consumi orientati al BIO con un +15% sul 2006 e + 153% sul 2008 (fonte NOMISMA). Oggi c’è un ampio ritorno dei giovani all’agricoltura e la scelta di questi ultimi è sostanzialmente biologica: solo dal 2013 al 2016 il numero di aziende agricole biologiche è aumentato del 40%, mentre nell’agricoltura tradizionale in vent’anni l’Istat ha registrato un crollo del 46%. Non è il biologico l’oggetto della nostra idea ma lo utilizziamo come elemento di misurazione di interesse a metodi alternativi ed innovativi. Per quanto ci riguarda crediamo che il BIO non sia esaustivo rispetto ad un necessario ritorno alla relazione UOMO-TERRA fondata sul rispetto di entrambi.

ATTIVITA’

Il progetto si esprime attraverso la determinazione di 4 tipologie di Campus residenziali presso il nostro centro, uno per ogni stagione, costruito sulle peculiarità di ognuna di esse. In ciascuno dei 4 Campus, invernale, primaverile, estivo ed autunnale, si affronteranno i lavori agricoli precipui di questo periodo dell’anno.

  • Si imparerà a riconoscere le erbe spontanee del periodo.
  • Attraverso la tipologia dei cibi proposti durante i pasti comuni si educherà alla stagionalità dei cibi, esaltandone il valore nutrizionale e salutare.
  • Attraverso la preparazione di fermentati, conserve ed i procedimenti di essiccazione e distillazione, partendo da materie prime di alta qualità in quanto fresche e di stagione.
  • E’ previsto l’uso degli EM attraverso sessioni di teoria e laboratori pratici di autoproduzione per arrivare poi alle modalità di applicazione nei vari ambiti sopra descritti.

 

La struttura di questi campus, che consistono in un appuntamento per ogni stagione, è articolata con costi diversi che prevedono un contributo più basso per chi segue l’intera settimana e via via più alto per chi riduce il proprio tempo di partecipazione.

Le ragioni di questa scelta riguardano il desiderio di incoraggiare le persone ad investire nella propria formazione ad un livello più ampio e di favorire le fasce economicamente più fragili, quali i neet, i giovani, i disoccupati e i pensionati:

Settimanale (per tutti, con uno sguardo particolare verso i neet, i pensionati, i disoccupati o persone che utilizzano le loro vacanze per fare questa esperienza);

3 giorni, dal giovedì sera alla domenica (dedicato a coloro che hanno la possibilità di ricavarsi 3 giorni per vivere questa esperienza);

weekend, dal venerdì sera alla domenica (per tutti).